Storia e tradizione 

Un’antica tradizione lacustre racconta che i San Vigilini furono creati negli anni ’40 da Leonard Walsh, leggendario oste della Locanda di Punta San Vigilio, affacciata sulle rive del Lago tra Garda e Torri. Il britannico Walsh li fece preparare appositamente come dono di benvenuto per il suo ospite Sir. Winston Churchill, che all’epoca soggiornava sul Garda, dopo un viaggio a Venezia.

Questi biscotti, perfetti per accompagnare tè, caffè e liquori, per molti anni sono rimasti avvolti nel mistero. La ricetta, infatti, era per lo più sconosciuta: si sapeva solo che rimandavano, nel gusto e negli ingredienti, a certi pasticcini inglesi da tè a base di burro e uvetta.

Con il passare del tempo la segretezza attorno a questi semplici ma deliziosi biscotti iniziò a dissolversi e in poco tempo i San Vigilini sono diventati parte della tradizione e della storia di Garda. Oggi ogni famiglia ha la sua ricetta, tramandata di generazione in generazione: dalle nonne alle mamme e poi alle figlie e ognuna magari con il suo ingrediente speciale: un bicchierino di grappa o una leggera grattugiata di scorza d’arancia o limone.

Ecco la mia ricetta per prepararli:

  • 500 gr di farina
  • 3 uova
  • 200 gr di zucchero
  • 125 gr di uvetta
  • 200 gr di burro
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale

Come prima cosa mettete a scaldare un pentolino d’acqua che servirà per sciogliere il burro a bagnomaria e l’uvetta in ammollo.

In una ciotola grande poi unite in questo ordine la farina, le uova, lo zucchero, il burro fuso raffreddato e l’uvetta (dopo averla scolata e asciugata molto bene). In ultimo aggiungete il lievito e un pizzico di sale.

Lavorate l’impasto, aggiungendo un po’ di farina se lo sentite troppo morbido. Una volta pronto dividete l’impasto in piccole palline irregolari, facendo attenzione che in ognuna sia presente l’uvetta e disponetele su una teglia da forno. Infornate a 180° per 13 / 15 minuti: quando i biscotti inizieranno a dorarsi saranno pronti. Toglieteli dal forno, lasciateli raffreddare per qualche minuto, cospargeteli con zucchero a velo e buon assaggio!

Sono Valeria, la custode del Civico: ti accolgo a Verona, sul Lago di Garda e nel mio shop online.